PARCO D’ABRUZZO, I LAVORI DI ASFALTATURA PROSEGUONO! ECCO I DOCUMENTI

Comunicato stampa del 23/07/2016

A tutto asfalto, i lavori nel Parco d’Abruzzo a Villavallelonga proseguono!

Ecco le foto di ieri, 22 luglio, dentro al confine del Parco.

L’ente ammetta di aver autorizzato l’asfaltatura ex novo di 1,5 km sui 3 complessivi sterrati e di aver fermato i lavori solo nel tratto finale.

Il Direttore a gennaio scrisse al Ministero dell’Ambiente che la strada era già asfaltata, le foto dicono il contrario.

 

13754674_10210348729340308_419626043111397673_n

A tutto asfalto nel Parco d’Abruzzo in una strada che dovrebbe essere chiusa al traffico! I lavori dentro al PNALM continuano alacremente come dimostrano le foto raccolte ieri mattina, 22 luglio 2016, da alcuni escursionisti. Foto terribili per gli ignari visitatori che si sono trovati ad “ammirare” un Parco nazionale con le piante incatramate e con l’asfalto ancora fumante.

13707750_10210348734940448_4521214684680973820_n

Infatti l’intervento del Parco, avvenuto peraltro solo ripetuti solleciti delle associazioni, è stato per ora parziale. Infatti i lavori CONTINUANO dentro al Parco, nel Sito di Interesse Comunitario e Zona di Protezione Speciale per l’avifauna, in pieno periodo riproduttivo e vegetativo, su una strada che dovrebbe essere chiusa al traffico ordinario! Il tanto decantato “blocco” con successiva richiesta di ripristino (qui l’ordinanza di ripristino PNALMdocumento34092_ordinanza_ripristino), è avvenuto, da quanto è dato conoscere leggendo le ordinanze del PNALM, esclusivamente sul tratto finale Cervara-Fonte Aceretta mentre sul resto della strada i lavori sono stati autorizzati, anche su un altro tratto di sterrato di 1,5 km circa! Però il Parco si limita a parlare dell’ultimo tratto (qui sotto l’estratto dell’ordinanza di ripristino).

EstrattoOrdinanzaRipristino

È così difficile ammettere cosa è stato autorizzato invece di parlare solo di quello che è stato, tardivamente, stralciato?

Facciamo noi chiarezza. La situazione antecedente all’interno del PNALM prima di questo progetto era la seguente:

1)tratto Madonna della Lanna – località Ciafassa: circa 1,5 km, vecchio manto ormai consunto;

2)tratto Ciafassa – Valle Cervara: circa 1,5 km, pista forestale sterrata;

3)tratto Valle Cervara – Fonte dell’Aceretta: circa 1,5 km pista forestale.

Ricordiamo che il PNALM con un Nulla Osta (qui il documento Nulla_osta_e_Istruttoria tecnica PNALM_31_gennaio_2015 del 30 gennaio 2015 aveva prima autorizzato TUTTI I LAVORI, compreso l’asfalto sull’ultimo tratto Cervara- Fonte dell’Aceretta (tratto 3, oggi stralciato e su vi è il blocco con denunce). Lo aveva rilasciato incredibilmente prima dello Studio di Incidenza Ambientale che viene prescritto nel nulla osta. Dovrebbe avvenire il contrario, prima si fanno gli studi ambientali e poi si rilascia il nulla osta…

Poi, arrivato lo Studio di Incidenza Ambientale dal Comune, il Parco rilascia un parere favorevole (qui il parere Lavori di ripristino strada comunale Villavallelonga – Prati d’Angro. VINCA_parere_29_06_2016 il 29 giugno 2016 con cui si chiede al comune di Villavallelonga di stralciare dall’asfaltatura esclusivamente il tratto finale Cervara – Fonte dell’Aceretta. Si sottolinea che il precedente Nulla Osta non è stato modificato a seguito di questo parere.

Riassumento l’Ente Parco ha quindi autorizzato il Comune ad intervenire con l’asfalto sui tratti 1 e 2, quest’ultimo sterrato come abbiamo detto, chiedendo di stralciare solo il tratto 3 (poi il comune è andato avanti lo stesso anche su questo tratto). Alleghiamo anche una mappa esplicativa, con il territorio del PNALM barrato.

 

MappaInterventiVillavallelonga_con_confine_parco_def

Facciamo notare che tutta questa strada, tratti 1,2 e 3, doveva per legge essere chiusa al traffico per cui in ogni caso non si capisce proprio perché autorizzare questi lavori dal costo esorbitante per le casse pubbliche.

Pertanto l’Ente Parco ha autorizzato l’asfaltatura ex novo su metà circa della strada sterrata esistente e di riasfaltare un tratto che – pare surreale ma è così – comunque dovrà essere chiuso al traffico ordinario.

Chiariamo anche i tempi dell’intervento. La S.O.A. è stata la prima a cantiere aperto a scrivere una nota durissima all’ente parco, dall’eloquente oggetto “SIETE IMPAZZITI?”, domenica 10 luglio, dopo un’altrettanto burrascosa telefonata al Direttore del parco Dario Febbo di Sabato 9 luglio. Alleghiamo la ricevuta della PEC. Qui la lettera integrale (Lettera_SOA_villavallelonga_10_07_2016)

impazziti

Successivamente la S.O.A. ha prima avvisato verbalmente la responsabile della Forestale e poi presentato un esposto il 13 luglio, un addendum il 14 e un secondo addendum il 18. Chiarito che il PNALM si è mosso solo dopo, a partire dall’11 luglio con un sopralluogo (peraltro prima con una timida diffida inviata il 12 luglio al Comune…) l’intervento dell’Ente ai più, magari non esperti dei luoghi e dei toponimi, è sembrato risolvere la questione, seppur a lavori ormai in larga parte realizzati. Il nostro intervento di oggi dimostra che siamo ben lungi dall’aver concluso la vicenda.

A questo punto il Direttore dell’Ente Parco Dario Febbo dovrebbe delle spiegazioni più dettagliate alla stampa e ai cittadini che leggono il sito dell’Ente Parco.

In primo luogo, dovrebbe spiegare perchè, dopo le tempestive proteste delle associazioni nei mesi scorsi, ha scritto loro una lettera inviandola anche al Ministero dell’Ambiente scrivendo testualmente che era una strada già asfaltata” e che su queste basi il progetto è stato ritenuto approvabile. Qui sotto l’estratto della lettera del 28 gennaio 2016 (qui la lettera integrale Strada Villavallelonga – Fonte Aceretta_lettera_ente ) inviata ad associazioni e Ministero dell’Ambiente (che ci risulta aver chiesto informazioni dopo le proteste delle associazioni).

asfaltata_lettera_associazioni

Abbiamo montagne di fotografie che evidenziano che la situazione di campo era ben diversa; qui ne usiamo una del 30 aprile 2016.

FotoPratiAngro30aprile2016

Questa discrasia è una delle tante che abbiamo evidenziato nei diversi esposti che abbiamo inviato alla Magistratura, chiedendo anche ai vari enti di ritirare subito in auto-tutela gli atti autorizzativi e i pareri emessi visto che negli elaborati abbiamo evidenziato descrizioni della situazione che ci appaiono come minimo fuorvianti.

Tra l’altro il Direttore Febbo aveva promesso per iscritto alle associazioni (e al Ministero) che avrebbe pubblicato la documentazione dello Studio di Incidenza Ambientale prima di rilasciare qualsiasi parere. Qui sotto l’estratto dalla lettera del 28 gennaio 2016 Ci può indicare se, quando e dove è stata divulgata?

direttore_pubblicita_vinca

In secondo luogo provi a spiegare il Direttore qual è la differenza in termini naturalistici (orso ecc.) e paesaggistici tra il tratto 2 e il tratto 3, entrambe piste forestali non asfaltate, entrambe dentro al Parco, entrambe dentro al SIC e alla ZPS, visto che il Parco ha autorizzato l’asfalto sul primo stralciando, solo dopo le proteste delle associazioni, il secondo. Nel parere non si rileva alcuna spiegazione per questo diverso trattamento.

In terzo luogo spieghi perchè asfaltare ex novo un tratto di strada, con uso di ingenti fondi pubblici, di cui l’Ete Parco già nel 2015 (qui la lettera Chiusura_strade_PNALM_carrara )aveva chiesto il divieto di accesso al traffico ordinario e che, tra l’altro, non porta ad alberghi o case.

L’assalto alla Natura del Parco dunque continua, con i tristi risultati che le foto che divulghiamo oggi dimostrano.

Il Consiglio del Parco intervenga direttamente, tutelando l’immagine dell’ente e soprattutto la Natura del parco fermando tutti i lavori. In caso contrario presto si potrebbe trovare a dover spiegare perchè non si prevede l’asfaltatura di strade sterrate come quella di Monte Tranquillo a Pescasseroli oppure di ZioMas a Scanno (e sarebbe un obbrobrio come quello in atto a Villavallelonga).

Alla Magistratura e gli inquirenti chiediamo di vagliare attentamente tutta la documentazione e la sussistenza di quanto dichiarato nelle istruttorie, nelle lettere, nei pareri e nelle autorizzazioni dei vari enti e di procedere di conseguenza.

 

RESTIAMO A DISPOSIZIONE PER FORNIRE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE A NOSTRA DISPOSIZIONE (NULLA OSTA, PARERE DEL PNALM SULLA V.INC.A; LETTERE ECC.). ALLEGHIAMO LE FOTO SCATTATE IERI E LA FOTO SCATTATA IL 30 APRILE 2016 CHE DIMOSTRA CHE QUELLA DI PRATI D’ANGRO ERA UNA STERRATA.

Augusto De Sanctis – Presidente Stazione Ornitologica Abruzzese ONLUS

Qui sotto le foto già divulgate nei giorni scorsi.

20160716_164432

fonte aceretta

20160716_171405

 

Annunci

Una risposta a “PARCO D’ABRUZZO, I LAVORI DI ASFALTATURA PROSEGUONO! ECCO I DOCUMENTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...